Palazzo TE

Palazzo TE 

Situato nel cuore di Mantova, è  una delle testimonianze architettoniche più apprezzate del nobile casato dei Gonzaga.

 

 

Mantova, magnifica città d’arte della Lombardia, costituisce un ruolo fondamentale nella diffusione della cultura del Rinascimento. È stata dichiarata nel 2008  Patrimonio dell‘umanità dall’UNESCO. … La città fu fondata da Vespasiano Gonzaga Colonna tra il 1554-1556 e il 1591, anno della sua morte, nel 2016 è stata eletta capitale della cultura. Mantova si trova sulla sponda del fiume Mincio, nel punto in cui le acque formano una profonda ansa che abbraccia la città lombarda su tre lati. Sul ponte San Giorgio si può ammirare il rosso del tramonto e il riflesso nelle acque del Palazzo Ducale, della cupola di Sant’Andrea e dei campanili daranno alla città quel tocco  di eleganza.

 

Palazzo Te è il capolavoro mantovano di Giulio Romano, costruito e decorato tra il 1525 e il  1535, su un’isola chiamata Tejèto (da cui il nome Te) nella zona meridionale di Mantova, il palazzo ebbe principalmente la funzione di luogo di delizie e di svago del committente, Federico II Gonzaga. E’genericamente ispirato alla villa romana antica e , per quanto abbia subito restauri nei secoli, si presenta come uno dei complessi rinascimentali più pregevoli e meglio conservati. L’edificio Ha forma quadrata si articola attorno a un cortile interno. Il palazzo è stupefacente: non vi è, infatti, una facciata uguale all’altra

   

Il genio di Giulio Romano vi trasfonde la cultura raffaellesca e michelangiolesca, lascia testimonianza di una profonda conoscenza della tradizione classica e  propone inedite e sorprendenti invenzioni. Vive emozioni accompagnano il visitatore in un percorso ricco e vario: dal cortile di Onore alla Sala dei Cavalli, dalla Camera di Psiche a quelle dei Venti e delle Aquile, dalla preziosa Camera degli Stucchi e alla tumultuosa Camera dei Giganti.

  

nella sala dei giganti, è raffigurato l’episodio di Giove che punisce i giganti che gli si erano ribellati. Giulio Romano riuscì a fondere la raffigurazione pittorica con l’architettura mimetizzando le aperture (porte e finestre) con le pietre dipinte e realizzando un’impressionante finzione che atterrisce e  al tempo stesso affascina lo spettatore.

 

Il Museo, al piano superiore del palazzo accoglie notevoli raccolte d’interesse documentario e artistico.  La collezione Mesopotamica “Ugo Sissa”, tra le pochissime in Italia, presenta circa 250 reperti relativi alle antiche civiltà sviluppatesi tra il Tigri e l’Eufrate. La sezione Gonzaghese riunisce pesi e misure in bronzo dell’antico stato dei Gonzaga,  nonchè coni, punzoni, medaglie e monete di Mantova e dei principati minori. La raccolta egizia, collezionata dal mantovano Giuseppe Acerbi, comprende sculture in marmo, bronzo e legno, oltre a numerosi oggetti legati ai riti funerari e al culto delle divinità.

Il biglietto per la visita di Palazzo te, comprende anche l’entrata a Palazzo San Sebastiano. Eretto fra il 1506 e il 1508 per volere del marchese francesco II Gonzaga, marito di Isabella d’Este, al fine di assicurarsi nei pressi dell’isola del Te uno spazio privato per il riposo e lo svago e offrire una sede adeguata al capolavoro di Andrea, le camere presentano un impianto ornamentale , producendo un colpo d’occhio inatteso e incantevole. Mantegna: I Trionfi di Cesare. L’elegante Loggia dei Marmi, le camere del Porcospino, del Crogiolo, del Sole, tutte al piano terra, e quelle delle Frecce e dei Brevi al primo piano.

  

PALAZZO TE

Museo Civico di Palazzo te

viale te,13-46100 Mantova

 

Museo della Città-Palazzo San Sebastiano

Largo XXIV Maggio,12 Mantova

 

Apertura

Lunedì h 13:00-18:30 (con ora solare)

h 13:00-19:30 (con ora legale)

Da martedì a domenica h 09:00-18:30 (con ora solare)

h 09:00-19:30 (con ora legale)

Grazie, Licia Ieva:

 

 

Mantova - Palazzo TE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *